Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

Daniele Ognibene Official Site

Ognibene attacca Salvini sul 25 Aprile

«Salvini rispetti prima di tutto gli italiani – dichiara Daniele Ognibene, capogruppo LeU in Consiglio Regionale del Lazio – quelli che hanno liberato l’Italia dai nazifascisti e che sono morti fucilati per difendere l’Italia. Ne bastano due su tutti: Armando Amprino di Torino, che prima di morire fucilato scrive ai genitori “ci rivedremo in Paradiso Viva l’Italia, Viva gli alpini”, o l’Ufficiale Franco Balbis, combattente ad El Alamein che davanti al plotone di esecuzione grida “Viva l’Italia libera, per il bene e per l’avvenire della nostra Patria e della nostra Bandiera, per le quali muoio felice!”».
«Oggi invece – continua Ognibene – mentre io andrò prima ad “Io cammino Insieme” – un cammino della Pace da Genzano di Roma a Castelgandolfo passando per Ariccia e Albano Laziale – e poi al cimitero del Commonwealth ed infine al corteo promosso dall’ANPI alla manifestazione che si concluderà a Porta San Paolo, Salvini fa la nuova furbata: va a combattere la mafia a Corleone. Forse ha avuto un’indigestione mentre vedeva il Padrino e gli è presa male».
 
«Gli italiani sono quelli che l’Italia l’hanno liberata per davvero, morendo per la bandiera. Invece il signorino va in vacanza a Corleone mentre, guarda caso, i fascisti vanno a fare i gagliardi e tosti a Piazzale Loreto. E la Polizia, nata dalla Repubblica, dove era? Forse i fascisti- conclude Ognibene – sanno che a Piazzale Loreto c’è ancora tanto posto, è ora di risvegliarsi dal torpore delle divisioni sterili a sinistra. Io riconosco solo una sinistra di lotta e di anti nazi-fascismo: ora e sempre. Riprendiamoci le piazze e diciamo basta a questi falsi italiani dalle camicie verdi oggi, nere ieri, che portano al Governo sottosegretari che hanno patteggiato reati come bancarotta e che debbono agli italiani 41 milioni di euro. La sinistra è con la Resistenza e con la Festa della Liberazione».