Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

Daniele Ognibene Official Site

Last news

Regione Lazio, Ognibene: «Sostegno economico ai comuni lacuali per sviluppo turismo»

«Un’azione concreta per valorizzare e dare forza, in un momento così delicato, ad uno dei patrimoni e ricchezze della nostra regione» questo il commento di Daniele Ognibene, Capogruppo LeU al Consiglio Regionale del Lazio, in merito all’aiuto da 1,5 milioni di euro destinato ai comuni lacuali della regione per sostenere il turismo balneare dei laghi.

«Dopo l’attenzione posta per le riaperture degli stabilimenti balneari situati sul litorale laziale, la Regione –ricorda Ognibene – non si è certo dimenticata dei comuni lacuali. I laghi, infatti, sono una delle maggiori eccellenze turistiche e ambientali del Lazio e per questo vanno aiutati e valorizzati. Così come il mare, infatti, sono una risorsa, anche economica, basilare per il nostro territorio».

«La Giunta Zingaretti – conclude Ognibene – si sta adoperando, sin dall’inizio dell’emergenza coronavirus, per affrontare al meglio le tantissime emergenze, non lasciando soli i comparti del turismo. Da oggi anche i comuni del Lazio che affacciano sui laghi, potranno pensare con più ottimismo alla ripresa. Aiutare il settore turistico a ripartire è fondamentale per il rafforzamento delle attività economiche dalla Regione Lazio».

La ripartizione dei fondi prevede che il 30% del contributo sia in base alla popolazione residente nei singoli comuni. Il restante 70% sarà distribuito in proporzione all’estensione lineare complessiva degli arenili destinati alla balneazione facendo riferimento al 2019, di ciascun comune.

Fonte: NewTuscia.it

Blog news

Silvia Romano, bentornata

 

 

Dopo due mesi di chiusura forzata, di quarantena, passata tra le nostra mura domestiche, pensavo, a torto, che qualcosa stesse scattando dentro di noi.

Abbiamo visto l’impatto psicologo che la quarantena può portare, la sofferenza dei bambini, lontano dai nonni e dagli amici.

Abbiamo letto anche di frasi molto dure, tipo “ siamo ostaggi a casa nostra”, “siamo sequestrati dentro casa”, “psicologicamente sto crollando”, sono solo alcune delle espressioni più ricorrenti in questi due mesi.

Pensavo, ancora a torto, che stava scattando quella solidarietà che solo nei momenti difficili riesce a mettersi in moto, che il covid19 fosse arrivato per farci riflettere anche sulle scelte di tanti di noi, sui temi dell’ambiente e soprattutto sul concetto di empatia.

Poi è arrivata la notizia della liberazione di Silvia Romano e molti si sono scatenati inveendo contro questa ragazza.

18 mesi isolata, reclusa, impossibilitata nel comunicare con l’esterno.

Quando Aldo Moro venne rapito ebbe cedimenti incredibili, eppure parliamo di un uomo strutturato sia moralmente che mentalmente, un capo di Stato.

Invece ad una ragazza di vent’anni viene chiesto qualcosa che neanche noi in due mesi di chiusura in casa è riuscito, ovvero non cercare protezione in qualcosa di più grande di noi.

Raffaele Pettazzoni diceva che anche i partigiani laici quando erano condannati a morte si aggrappavano alla fede, ad una fede laica: l’idea di libertà e di giustizia.

Ebbene oggi sentiamo le voci levarsi contro Silvia, per la scelta di convertirsi.

Oggi più che mai dovremmo rispettare la scelta individuale e riflettere in modo empatico.

Se fossi stato io prigioniero? Io che quasi non ho retto due mesi chiuso nella mia casa, cosa avrei fatto?

 

Parta dalla scuola la lotta alle disuguaglianze

La chiusura delle scuole sta facendo aumentare in maniera esponenziale le disuguaglianze.

Nel mondo più di un miliardo e mezzo di bambini non è in classe durante questa pandemia.

Per i ragazzi che hanno più bisogno della scuola questo allontanamento avrà una ricaduta che comprometterà l’apprendimento e lo sviluppo, pesando enormemente sul loro futuro.

Leggi tutto...

Roberto Gualtieri per le elezioni politiche suppletive nel Collegio Roma 1

Il 1 marzo, a Roma, si vota per le elezioni politiche suppletive nel Collegio Roma 1 per la Camera dei Deputati. Il nostro sostegno va al candidato di tutto il centrosinistra Roberto Gualtieri, Ministro dell’Economia e delle Finanze, già Presidente della Commissione per i problemi economici e Monetari del Parlamento Europeo.

Leggi tutto...

E' nato il mio nuovo sito

La comunicazione è una cosa importante: nasce il mio nuovo sito allo scopo di comunicarvi le mie attività politiche ed in generale farvi seguire come mi impegno per la comunità. 

Newsflash home

LeU - Ognibene: "Il calcio può riprendere nella massima sicurezza!"

Questo il pensiero di Daniele Ognibene, Capogruppo LeU al Consiglio Regionale del Lazio, che specifica: “I calciatori milionari possono stare anche anni senza giocare.

Leggi tutto...

Emilio Pappagallo (Radio Rock): “La radio, un mezzo con enorme personalità che si adatta a tutti i device”

“La radio è un mezzo pazzesco perchè ha grossissima personalità, ma al tempo stesso è il medium che è riuscito ad adattarsi meglio di tutti gli altri a qualsiasi device”.
È quasi emozionato Emilio Pappagallo, quando parla di quello che per lui è non solo un lavoro, ma soprattutto una passione. Qualche giorno fa, il direttore artistico di Radio Rock 106.6 – emittente dove è in forza da ormai vent’anni – è stato ospite di una diretta social con il consigliere della Regione Lazio Daniele Ognibene, che a sua volta ha mostrato un forte attaccamento nei confronti della radio.

Leggi tutto...

Ognibene attacca Salvini sul 25 Aprile

«Salvini rispetti prima di tutto gli italiani – dichiara Daniele Ognibene, capogruppo LeU in Consiglio Regionale del Lazio – quelli che hanno liberato l’Italia dai nazifascisti e che sono morti fucilati per difendere l’Italia. Ne bastano due su tutti: Armando Amprino di Torino, che prima di morire fucilato scrive ai genitori “ci rivedremo in Paradiso Viva l’Italia, Viva gli alpini”, o l’Ufficiale Franco Balbis, combattente ad El Alamein che davanti al plotone di esecuzione grida “Viva l’Italia libera, per il bene e per l’avvenire della nostra Patria e della nostra Bandiera, per le quali muoio felice!”».