Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

Daniele Ognibene Official Site

Last news

Ospedale di Velletri, 27 milioni per la ristrutturazione

«Questo progetto sarà tra i più importanti della città di Velletri». A dichiararlo è stato Daniele Ognibene (Caprogruppo LeU al Consiglio Regionale del Lazio), a margine di una conferenza stampa tenutasi presso il Teatro Artemisio “Gian Maria Volontè” di Velletri, per la presentazione del progetto sulla ristrutturazione complessiva dell'ospedale di Velletri.

Alla conferenza stampa – nel corso della quale è stato presentato lo studio di fattibilità del valore di 27 milioni di euro, che verrà approvato in Giunta Regionale del Lazio, per la ristrutturazione dell’ospedale – hanno preso parte Alessio D’Amato (Assessore alla Sanità della Regione Lazio), Orlando Pocci (Sindaco di Velletri), Maurizio Caliciotti (Sindaco di Lariano), Narciso Mostarda (Direttore Generale Asl Roma 6) e Giancarlo Amato (Procuratore della Repubblica – Tribunale di Velletri).

«E’ la risposta che tutti aspettavano e la Regione Lazio si è fatta trovare pronta. L’Assessore Damato aveva preso un impegno con la città di Velletri, il Sindaco Pocci ed il sottoscritto, mantenendolo a pieno. Questo progetto rilancerà la struttura ospedaliera di Velletri, rendendola efficace e moderna» ha aggiunto Ognibene, specificando che «a breve ci sarà anche un confronto con gli operatori sanitari per poter fronteggiare al meglio tutte le esigenze riguardanti l’Ospedale di Velletri».

 

Fonte: napolimagazine.com

Blog news

Il mio intervento su Avvenire

jhjhb Tavola disegno 10.5x 20

ljn

Silvia Romano, bentornata

 

 

Dopo due mesi di chiusura forzata, di quarantena, passata tra le nostra mura domestiche, pensavo, a torto, che qualcosa stesse scattando dentro di noi.

Abbiamo visto l’impatto psicologo che la quarantena può portare, la sofferenza dei bambini, lontano dai nonni e dagli amici.

Abbiamo letto anche di frasi molto dure, tipo “ siamo ostaggi a casa nostra”, “siamo sequestrati dentro casa”, “psicologicamente sto crollando”, sono solo alcune delle espressioni più ricorrenti in questi due mesi.

Pensavo, ancora a torto, che stava scattando quella solidarietà che solo nei momenti difficili riesce a mettersi in moto, che il covid19 fosse arrivato per farci riflettere anche sulle scelte di tanti di noi, sui temi dell’ambiente e soprattutto sul concetto di empatia.

Poi è arrivata la notizia della liberazione di Silvia Romano e molti si sono scatenati inveendo contro questa ragazza.

18 mesi isolata, reclusa, impossibilitata nel comunicare con l’esterno.

Quando Aldo Moro venne rapito ebbe cedimenti incredibili, eppure parliamo di un uomo strutturato sia moralmente che mentalmente, un capo di Stato.

Invece ad una ragazza di vent’anni viene chiesto qualcosa che neanche noi in due mesi di chiusura in casa è riuscito, ovvero non cercare protezione in qualcosa di più grande di noi.

Raffaele Pettazzoni diceva che anche i partigiani laici quando erano condannati a morte si aggrappavano alla fede, ad una fede laica: l’idea di libertà e di giustizia.

Ebbene oggi sentiamo le voci levarsi contro Silvia, per la scelta di convertirsi.

Oggi più che mai dovremmo rispettare la scelta individuale e riflettere in modo empatico.

Se fossi stato io prigioniero? Io che quasi non ho retto due mesi chiuso nella mia casa, cosa avrei fatto?

 

Parta dalla scuola la lotta alle disuguaglianze

La chiusura delle scuole sta facendo aumentare in maniera esponenziale le disuguaglianze.

Nel mondo più di un miliardo e mezzo di bambini non è in classe durante questa pandemia.

Per i ragazzi che hanno più bisogno della scuola questo allontanamento avrà una ricaduta che comprometterà l’apprendimento e lo sviluppo, pesando enormemente sul loro futuro.

Leggi tutto...

Roberto Gualtieri per le elezioni politiche suppletive nel Collegio Roma 1

Il 1 marzo, a Roma, si vota per le elezioni politiche suppletive nel Collegio Roma 1 per la Camera dei Deputati. Il nostro sostegno va al candidato di tutto il centrosinistra Roberto Gualtieri, Ministro dell’Economia e delle Finanze, già Presidente della Commissione per i problemi economici e Monetari del Parlamento Europeo.

Leggi tutto...

E' nato il mio nuovo sito

La comunicazione è una cosa importante: nasce il mio nuovo sito allo scopo di comunicarvi le mie attività politiche ed in generale farvi seguire come mi impegno per la comunità. 

Newsflash home

Velletri, scoperta la targa che intitola il piazzale della Villa Comunale alla maestra socialista Clementina Caligaris

 

Partecipata cerimonia stamattina presso la Villa Comunale di Velletri, dove è stata scoperta la targa che intitola il piazzale dell’area verde alla socialista Clementina Caligaris, membro della Consulta Nazionale per la Costituente e prima donna nelle Istituzioni veliterne.

Clementina fu tra le prime 13 donne ad entrare a far parte di un’Istituzione, quale la Consulta Nazionale per la Costituente, parlamento transitorio nominato dai partiti del Comitato di Liberazione Nazionale dopo il ventennio fascista.

Leggi tutto...

Velletri, inaugurati percorsi playgroung sul monte Artemisio

 

Giornata di giochi, sport, cultura del territorio e tutela dell'ambiente al rifugio forestale del Monte Artemisio a Velletri, gestito e curato dal Parco Regionale dei Castelli Romani dove stamattina sono stati inaugurati anche dei percorsi playground con giochi per bambini e adulti alla presenza del vicepresidente della regione Lazio Daniele Leodori, del direttore dei Parchi Regionali Vito Consoli.

Leggi tutto...

Anzio, Tor Caldara, raddoppia l'area protetta

 

Raddoppia la Riserva Naturale Regionale di Tor Caldara, sul litorale di Anzio, a cui si aggiungeranno i 55 ettari di verde della Vignarola. Insomma, messo a segno un punto a favore della tutela di questa zona a confine con Lavinio, con l’approvazione in Commissione Agricoltura e Ambiente della Regione Lazio della proposta di legge 189/2019 per l’ampliamento della perimetrazione. Notizia che ha fatto volare in alto l’ottimismo dei tanti cittadini del Comitato “La Vignarola nel cuore”, nato nel 2015 proprio per tutelare quella distesa di prati, lievi colline, acquitrini, boschetti, zone rurali. Il secondo e atteso passaggio è in Consiglio Regionale, a cui spetta la decisione definitiva.

«Siamo contentissimi - dice Anna Tomassetti, portavoce del Comitato - il primo obiettivo è raggiunto ed ora speriamo che la legge vada celermente in Consiglio Regionale, con un esito positivo. Una bella notizia, dopo 5 anni di attività, incontri, manifestazioni, richiesta di pareri legali. Ringraziamo il consigliere regionale Daniele Ognibene, che ha presentato la proposta di legge e tutti i consiglieri che l’hanno approvata in Commissione». Proprio il 5 dicembre 2015 si tenne la prima manifestazione davanti l’ingresso della Riserva di Tor Caldara per chiedere che alla Vignarola fosse rispettato il Piano Regolatore, che ne prevede circa 15 ettari edificabili e gli altri vincolati a verde. Il Comune aveva varato una variante per «spalmare» l’edificabilità - senza aumenti di cubatura - su tutta l’area, anche quella con il vincolo. E i cittadini del Comitato si tassarono per pagare il ricorso al Tar del Lazio. Ora però la vicenda è chiusa, dato che l’attuale amministrazione comunale ha revocato la proposta di variante. «La Vignarola - dice il sindaco, Candido De Angelis - ha un grande valore ambientale, agricolo e paesaggistico. E il Piano Regolatore prevede l’edificazione solo in una porzione compatta dell’area, in cambio della cessione di 55 ettari a verde pubblico. Siamo soddisfatti dell’approvazione della legge in Commissione regionale. Vorremmo, in futuro, che pur inserita nella Riserva Naturale Regionale di Tor Caldara, parte della Vignarola possa essere utilizzata a verde pubblico». L’argomento - insieme a quello di un direttore pro tempore della Riserva - ieri era anche nell’ordine del giorno presentato in Consiglio Comunale dal consigliere Flavio Vasoli.

Poi ritirato, per essere discusso meglio nella Commissione Ambiente del Comune, perchè non tutti i gruppi avevano potuto analizzarlo in modo approfondito. La proposta di Legge regionale 89/2019, depositata dal consigliere Ognibene di Leu, in Commissione è passata a maggioranza dopo un dibattito anche con interventi dell’assessore regionale all’Agricoltura Enrica Onorati e del direttore regionale settore Parchi, Vito Consoli. «Ho saputo - dice il sindaco - che la Regione si doterà di un nuovo Regolamento sui parchi e contiamo che i Comuni interessati possano dire la loro. Intanto attendiamo il voto del Consiglio regionale sulla Vignarola e risposte sull’attuazione del Sito di interesse comunitario a tutela, anche, dell’area marina antistante Tor Caldara».

 

Fonte: Il Messaggero 

'Vie concrete per economia generativa', per Landini, Ognibene e Becchetti nel post Covid tema lavoro va rivisto

 

Sì è tenuto presso il BO.BO Bistrot – Giardino Casa del Jazz di Roma, il Convegno organizzato da NOI DOMANI dal titolo “Vie concrete per un’economia generativa: lavoro, digitalità ed innovazione, servizio civile e sostenibilità – Crescita e sviluppo della Regione Lazio”. 

L’evento è stato introdotto da Daniele Ognibene che ha illustrato l’iniziativa, spiegando che "nasce dalla voglia di mettere insieme persone che, anche per la loro esperienza lavorativa, abbiano impostazioni e visioni diverse. Questa pandemia, che ci ha allontanato fisicamente, ci può però avvicinare dal punto di vista della cooperazione e dell’interconnessione. Proprio attraverso lo stare insieme, infatti, potremmo uscire da questo momento così difficile, creando una società generativa. Da questo incontro dobbiamo partire per trovare soluzioni per tutto il tessuto: prima regionale e poi nazionale".

Leggi tutto...

Il consigliere regionale Daniele Ognibene: "Un servizio civile rivolto all'alfabetizzazione digitale del Paese"

"È finito il tempo di fare da spettatore. Troppi ancora hanno le mani pulite perché non hanno mai fatto niente". Parto dalle parole di don Primo Mazzolari che vedeva nell’impegno dei giovani il propulsore del riscatto. Sacerdote, partigiano e antifascista, don Primo fu tra i primi, in piena Guerra, a ipotizzare una sorta di obiezione militare in cambio di un impegno civile.

Leggi tutto...

Ultra' e Fn a Roma, disordini e lancio oggetti in piazza

 

"Andatevene tutti". A dirlo un manifestante dal palco della manifestazione di Circo Massimo. "Ministri, dove eravate, dove siete stati in questi mesi? Siamo venuti qui per fare questa domanda - ha aggiunto -. Abbiamo visto la politica non dare risposte al popolo e andare andare avanti e indietro da Bruxelles con il cappello in mano".

La tensione è salita dopo che uno dei manifestanti ha rilasciato delle dichiarazioni ai cronisti. Sono seguiti poi lanci di oggetti contro gli stessi giornalisti e le forze dell'ordine. I manifestanti hanno lanciato bottiglie di vetro e altri oggetti contro giornalisti e forze dell'ordine in tenuta anti sommossa. I disordini sono durati diversi minuti poi i partecipanti hanno indietreggiato e stanno ora scendendo all'interno del Circo Massimo. La tensione è salita perché un manifestante stava rilasciando dichiarazioni ai cronisti. Prima la lite tra alcuni partecipanti al sit-in e poi è scattato il lancio di oggetto contro i giornalisti e le forze dell'ordine.

Leggi tutto...

'Gilet arancioni' e Casapound in piazza a Roma contro il governo: tensione con la polizia

Ancora tensioni nel pomeriggio durante la manifestazione del gruppo "Marcia su Roma" nel centro della Capitale. Una decina di persone ha provato a spingere un blindato della polizia che sbarrava la strada alla manifestazione. "Fateci passare", hanno urlato i manifestanti agli agenti che erano schierati in tenuta antisommossa alle dietri al blindato. "Ci hanno spruzzato lo spray al peperoncino per disperderci", hanno detto i manifestanti prima di lasciare la zona.

La manifestazione, organizzate da diversi gruppi riconducibili all'estrema destra, in particolare 'Marcia su Roma' e Casapound, in protesta contro il governo, era partita questa mattina. Tra loro anche qualcuno che indossa i 'gilet arancioni'. Sono circa 70 i manifestanti identificati e che saranno denunciati dalla polizia per manifestazione non preavvisata. A molti di loro viene contestata anche la violazione del dpcm con le misure di contenimento per il coronavirus: alcuni provenivano da altre regioni mentre altri non avrebbero rispettato il divieto di assembramento.

Leggi tutto...

LeU - Ognibene: "Il calcio può riprendere nella massima sicurezza!"

Questo il pensiero di Daniele Ognibene, Capogruppo LeU al Consiglio Regionale del Lazio, che specifica: “I calciatori milionari possono stare anche anni senza giocare.

Leggi tutto...