Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

Daniele Ognibene Official Site

Last news

E’ morto Gianni Mura, giornalista cantore dello sport

Il mondo del giornalismo piange una delle sue firme più autorevoli e di spessore. All’ospedale di Senigallia (Ancona) è venuto a mancare all’età di 74 anni Gianni Mura, dal 1976 storica firma di Repubblica e noto scrittore. È morto questa mattina, per un attacco cardiaco improvviso.

Il firma copie a Velletri


Gianni Mura era nato a Milano nel 1945. Da giovanissimo aveva mosso i primi passi da giornalista lavorando alla Gazzetta dello Sport. Ha raccontato mezzo secolo d’Italia partendo dalle sue passioni sportive principali, calcio e ciclismo (memorabili i suoi articoli sul Tour de France), a cui si aggiungeva quella per la musica. Il suo primo romanzo, “Giallo su giallo”, nel 2007 vinse il premio Grinzane. A nome dello sport italiano, sono già arrivate alla famiglia (e alla redazione di Repubblica) le condoglianze del presidente del Coni, Giovanni Malagò. La sua scrittura era metaforica e pungente, creativa e ficcante, e in molti lo hanno paragonato ad un altro grande della storia del giornalismo sportivo, l’indimenticato ed indimenticabile Gianni Brera.

Gianni Mura a Velletri, nel 2013

Nel gennaio del 2013 è stato a Velletri, nella Sala Tersicore del palazzo comunale. Quel giorno conversò con con Ezio Tamilia, autore Rai, e l’allora Assessore alla Cultura Daniele Ognibene, che insieme a tutti i convenuti poterono ascoltare gli innumerevoli racconti di quella che è stata una vera e propria icona del giornalismo italiano.

 

Fonte: castellinotizie.it

Blog news

Roberto Gualtieri per le elezioni politiche suppletive nel Collegio Roma 1

Il 1 marzo, a Roma, si vota per le elezioni politiche suppletive nel Collegio Roma 1 per la Camera dei Deputati. Il nostro sostegno va al candidato di tutto il centrosinistra Roberto Gualtieri, Ministro dell’Economia e delle Finanze, già Presidente della Commissione per i problemi economici e Monetari del Parlamento Europeo.

Leggi tutto...

E' nato il mio nuovo sito

La comunicazione è una cosa importante: nasce il mio nuovo sito allo scopo di comunicarvi le mie attività politiche ed in generale farvi seguire come mi impegno per la comunità. 

Newsflash home

Shoah, regione Lazio: Leodori incontra Ruth Dureghello

Il vicepresidente della Regione Lazio, Daniele Leodori, ha incontrato questo pomeriggio la Presidente della Comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello, per illustrare le attività programmate dalla Regione in vista della Giornata della Memoria. Durante l’incontro è stato anche reso noto che in Consiglio regionale è stata depositata una mozione, a firma del consigliere Daniele Ognibene, per adottare una definizione comune di antisemitismo, in linea con quella dell’Alleanza Internazionale per la memoria dell’Olocausto (IHRA) e con l’indicazione del Parlamento Europeo e del Consiglio d’Europa.

Leggi tutto...

Regione Lazio, presentate le nuove iniziative di “Generazioni”

Nell’ambito del progetto “Generazioni” della Regione Lazio, sono state presentate – presso lo Spazio Rossellini di Roma – diverse iniziative: Vitamina G (bando delle idee per i giovani under 35), la seconda edizione di Laziosound (iniziativa per supportare giovani artisti emergenti della Regione Lazio), le offerte per la primavera 2020 di Lazio Youth Card e Itinerario Giovani (ostelli e spazi per gli under 35).

Leggi tutto...

Foibe, Ognibene: “A Ciampino la solita sceneggiata filo nazista. Prendano esempio dal Presidente Mattarella”

“In occasione del “Giorno del Ricordo” a Ciampino si vuole organizzare la solita sceneggiata filo nazista tanto per marcare il territorio che quei tristi eventi sono di esclusivo appannaggio dell’estrema destra. Daniela Ballico sindaco del comune di Ciampino dovrebbe – dichiara Daniele Ognibene, capogruppo LeU in Consiglio regionale del Lazio –  come istituzione far riferimento a quanto detto chiaramente dal nostro Presidente della Repubblica Sergio Mattarella proprio lo scorso anno: “Celebrare la Giornata del Ricordo significa rivivere una grande tragedia italiana, vissuta allo snodo del passaggio tra la Seconda Guerra Mondiale e l’inizio della guerra fredda. Un capitolo buio della storia nazionale e internazionale, che causò lutti, sofferenza e spargimento di sangue innocente”.