Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

Daniele Ognibene Official Site

Lazio, Ognibene (Leu): sostegno convinto a piano “riders”"

“È così che si cambia la vita delle persone: con la partecipazione, il coinvolgimento e la tempestività. È così che si aiuta chi è più debole, emarginato e sfruttato”. Queste le parole del capogruppo LeU al Consiglio Regionale del Lazio Daniele Ognibene, dopo la conferenza stampa di Nicola Zingaretti e Claudio Di Berardino sul caso dei riders. “Personalmente farò tutto ciò che posso per aiutare il Presidente e l’assessore Di Berardino in questa battaglia, il lavoro è un tema centrale dal quale non possiamo prescindere per il futuro della nostra regione” ha aggiunto Ognibene. 

“Grazie alla partecipazione delle persone e alla volontà della politica nelle prossime settimane daremo vita a una proposta di legge regionale che tuteli questa tipologia di lavoratori, che dia loro delle garanzie e che informi chi si vuole avvicinare a questo tipo di impiego”.“I passaggi fondamentali della memoria di giunta che mi sento di condividere e che a mio avviso sintetizzano questa azione, sono quelli espressi nel punto quattro: ‘In una Repubblica democratica fondata sul lavoro, è necessario riconoscere a tutti i lavoratori, anche a quelli di ultima generazione, uno standard di diritti e tutele’ e ‘la Regione intende promuovere lo sviluppo responsabile dell’economia digitale quale fattore di crescita economica’” ha commentato il capogruppo LeU.

“La proposta è in linea non solo con il discorso del Presidente di qualche settimana fa, ma è frutto di una stretta collaborazione con l’assessore al lavoro Di Berardino” ha detto Ognibene, concludendo: “La proposta lanciata da me in campagna elettorale, l’estensione del microcredito per le p.iva, è quanto mai attuale, per questo sono ancora più convinto che sia un’altra battaglia da portare avanti e che potrebbe anche essere spunto per creare forme di lavoro simili a quelle proposte dalla Gig Economy, ma che nascano dal basso e dalla collaborazione di giovani con la voglia di mettersi in gioco”.

 

Fonte: askanews.it