Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

Velletri piange morte del poliziotto Matteo Demenego, ucciso a Trieste

La città di Velletri, il comune più grande dei Castelli Romani in provincia di Roma, piange la scomparsa di Matteo Demenego, il 31enne agente di polizia ucciso ieri all'interno della questura di Trieste. Il sindaco Orlando Pocci ha espresso vicinanza alla famiglia di Matteo, "nostro concittadino, ucciso, con un atto vile, nell'adempimento del suo mestiere". "Dichiarerò lutto cittadino in accordo con le altre Istituzioni", ha comunicato il primo cittadino.
Al cordoglio per la morte dell'agente si è aggiunto anche il consigliere regionale Daniele Ognibene, che a Velletri è stato a lungo assessore: "Velletri ha perso il suo concittadino Matteo Demenego, mentre con passione e senso delle istituzioni serviva lo Stato Italiano. È una notizia che mi addolora e rattrista. Tutta la città è vicina alla famiglia".
 
Intanto su Facebook sono tanti i ricordi di Matteo, come quello di Rosangela, che racconta di averlo conosciuto a un corso di ballo: "Sempre gentile, rispettoso e sorridente. Questa atrocità è profondamente ingiusta". C'è anche il ricordo di un compagno di classe: "Era da tanto che non ti vedevo, su Facebook sembravi felice, certo ti sei dovuto accontentare della polizia, non potendo fare il legionario! Mi dispiace proprio tanto, per quanto ho potuto conoscerti eri una persona leale e perbene… Un saluto alla famiglia, ciao feanaro".
 
Fonte: fanpage.it