Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

Daniele Ognibene Official Site

Regione Lazio, Ognibene: combattere la piaga sociale del caporalato

«Un gesto vile e spregevole». Così Daniele Ognibene, Capogruppo LeU al Consiglio Regionale del Lazio, ha commentato quanto accaduto a Castel d’Asso (Viterbo), dove i sindacalisti della CGIL avevano organizzato un volantinaggio per informare i braccianti agricoli della zona, soprattutto migranti, dei loro diritti, subendo una vile aggressione e venendo minacciati qualora non avessero abbandonato la zona.
«I sindacalisti – prosegue Ognibene – erano lì per svolgere il loro lavoro e sono stati minacciati: è allucinante che tutto ciò avvenga! Forse a qualcuno dà fastidio che, finalmente, si stia cercando di agire in maniera seria e concreta contro la piaga del caporalato. La Regione Lazio, in tal senso, si sta adoperando da tempo per combattere questo fenomeno, ma non bisogna mai abbassare la guardia; soprattutto dopo quello che è accaduto a Viterbo. Sono vicino agli esponenti della CGIL minacciati e, inoltre, li ringrazio per il loro impegno».
 
«Sarebbe opportuno – conclude Ognibene – che la Commissione Agricoltura della Regione Lazio convocasse un tavolo di confronto con le istituzioni, presso la prefettura di Viterbo. Il caporalato è una piaga dei nostri tempi e deve essere combattuto con forza».
 
 
Fonte: ontuscia.it