Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

Centocelle, Ognibene: «Serve una mobilitazione contro la nuova “Notte dei Cristalli”»

ROMA - «La storia non va dimenticata mai» afferma Daniele Ognibene, capogruppo LeU in Consiglio Regionale Lazio. «Il 9 novembre di 80 anni fa il buio e la violenza scosse la Germania, fino a pochi anni prima definito uno dei Paesi Europei più colti e di grandi orientamenti politici diversificati. Anche allora non venne presa in seria considerazione la crescente deriva neonazista ed ecco oggi come allora ci troviamo a respingere fatti di violenza come quello di dar fuoco ai centri di vita culturale dei quartieri. Il nuovo rogo al Baraka Bistrot segue a pochi giorni quello della Pecora Elettrica e sicuramente dietro c’è una matrice politica. In Italia ci troviamo a dover vivere una nuova era di terrorismo lanciato da un’estremismo di destra che è diverso dalla strategia della tensione delle bombe, degli attentati dei raid nelle scuole.
Ci troviamo – continua Ognibene – davanti ad un nuovo fatto che è ancora non ben definito di vicinanza tra chi spaccia la droga nei quartieri a chi fa vanto dell’appartenenza a gruppi neofascisti. Questa alleanza parallela vuole cancellare ogni forma di cultura ed aggregazione sociale, in modo da far emergere solo la logica della perdizione ed assenza di valori.
Certo la politica di Salvini finora ha fatto di tutto per gettare benzina sul fuoco, come l’ultima trovata di specificare di non essere andato a trovare la Segre, tanto per marcare un distinguo da quello che è rimasto in Italia della destra liberale difesa allo stremo da Silvio Berlusconi.
Ecco – conclude Ognibene – è necessario tornare in Piazza e difendere i valori della democrazia che vengono quotidianamente calpestati. Solo così, riportando ai giovani la memoria della “Notte dei cristalli” che segnò lo spartiacque con la democrazia, si può dare vita ad una nuova mobilitazione generale a fianco della cultura e dei luoghi di pluralismo dei nostri quartieri, difendendo le attività commerciali del territorio e chi decide d’investire in periferia».
 
Fonte: cronacadiretta.it